Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies.
Ok

Simone Andreoli | Leisure in Paradise | Un viaggio emozionale verso il paradiso.

person Pubblicato da: Elena Rossi list In: Blog Sopra: comment Commento: 0 favorite Colpire: 50

Un tuffo in un mare trasparente, con sfumature che vanno dal celeste all’indaco.

Poi due bracciate e lo sguardo all’insù, verso un cielo dall’azzurro intensissimo. La sabbia finissima e bianca che si infila sui palmi delle mani e fra le dita dei piedi. Sullo sfondo della spiaggia una rigogliosa vegetazione contraddistinta da palme da cocco diventa la cornice naturale di un vero e proprio paradiso.

Oggi vi parlo di un profumo che è un viaggio travolgente, nel rispetto totale della filosofia del brand protagonista del pezzo. Già qualche mese fa, infatti, avevo scritto un articolo riguardante i profumi ricchi, in tutti i sensi, di Simone Andreoli, uno dei “nasi” più precoci e talentuosi del panorama non solo italiano, ma anche internazionale.

In quell’occasione parlai della trilogia “Italian Heritage“, ossia un tris di piccoli capolavori (Mandorla di Noto, Zest di Sorrento e Fico Nero di Sardegna), che non solo custodivano fra le proprie note olfattive il desiderio di svelare al pubblico la clamorosa ricchezza di alcuni fra i più apprezzati ingredienti italiani, ma che intendevano essere, come tutta la collezione di Simone Andreoli, del resto, anche biglietti di andata e ritorno verso luoghi iconici del Belpaese.

Sicilia, Campania e Sardegna, destinazioni di culto che attraggono milioni di persone da ogni angolo del pianeta per la loro incommensurabile bellezza. Anche il profumo di cui si parla oggi, senza mezzi termini, ha la medesima finalità. Permettere a chi lo indossa di sorvolare l’oceano Atlantico e di atterrare ai Caraibi, rilassando corpo e pensieri su una spiaggia cubana.

La scintilla dell’ozio in paradiso

Relax totale, quella che si desidera visceralmente quando decidiamo di staccare la spina e andare in vacanza, possibilmente raggiungendo destinazioni che abbiano crismi precisi. Nell’immaginario collettivo, ma anche in quello di Simone Andreoli, che ha pensato a questo profumo dopo aver esplorato personalmente le isole tropicali, l’idea di un contesto che è sinonimo di distacco totale dalla routine quotidiana e urbana è quello dei Caraibi.

Simone Andreoli ha così pensato a un profumo che evocasse l’ozio, del nulla da fare e del piacere.

Una sorta di estasi delle membra racchiusa in una bottiglia di vetro; un elisir da esteti della vita, da dandy in vacanza. Da qui ecco sbocciare il nome, “Leisure in Paradise“, letteralmente “Ozio in Paradiso“, quasi una pozione magica che fa emergere le immagini delle spiagge di sabbia bianca, il profumo dei drink al cocco che si scioglie in quello degli altri frutti tropicali, della vaniglia, dei legni tropicali.

Non è assolutamente un profumo “eremitico“, bensì una creazione che invita alla socialità, al piacere di restare interconnessi fra esseri umani, con i profumi deliziosi delle creme solari, della polpa e del succo della frutta che diventano allegorie di piacere smisurato e senza tempo.

Anche qui, come in “Italian Heritage“, Simone Andreoli compie dunque una operazione che intende spedire letteralmente i sensi dei clienti altrove, non solo fra i flutti d’oro e celesti delle spiagge caraibiche ma anche fra le viuzze di una Cuba d’antan, in cui il rumore del mare riecheggia, dove il suono della salsa cerca di raggiungere il suo climax cadenzato dai raggi del sole, fra sbuffi di sigari e tintinnii dei bicchieri che brindano, ricolmi di Mojito.

Luoghi in cui il fine ultimo di tutto è prendersi il tempo di perdere tutto il tempo che si vuole: la routine così si disintegra e ogni sua particella perde forma. Restano solo le giornate che scorrono via senza guardare l’orologio, in cui il sonno si mescola al piacere di abbronzarsi, a quello di sorridere, ridere, bere, nuotare, mangiare, respirare aria frizzante sferzata da esotismo.

La contemplazione dei paesaggi, il desiderio di entrare in una bolla spazio-temporale che esca da preoccupazioni, ansie, turbamenti.

“Leisure in Paradise” è un profumo che nella sua ricchezza golosa, forte, conturbante, piena, regala una esperienza olfattiva catartica, celebrando valori che la quotidianità ci impedisce di vivere e sentire. Simone Andreoli riassume tutto in una frase che campeggia sul suo sito ufficiale: “Poter disporre di tempo da perdere, non è forse anch’essa un’alta espressione dell’esistenza?“.

E’ una affermazione forte, di cui forse non riusciamo a comprendere il senso più profondo, ma credo che in vacanza abbia la sua valenza incontrovertibile. Anche lasciare che il tempo scorra senza che ci si renda conto, dedicando giorni di relax totale alla nostra mente e al nostro corpo, è un modo per riscoprire il mondo e riscoprire se stessi. “Leisure in Paradise” in questo caso ci aiuta, spedendoci letteralmente in un’altra dimensione.

Leisure in Paradise

Questa creazione di Simone Andreoli è un profumo gourmand per antonomasia. Credo che per riferimenti al sole, al mare e all’estate abbia davvero pochi rivali. E’ una fragranza estremamente giovane in grado di rapire gli animi più spontanei, quelli capaci di cogliere l’essenza della vita al volo, senza troppe elucubrazioni.

E’ una alleanza suadente di rimandi fruttati e cremosi. La cremosità, in effetti, è il primo abbraccio che questo profumo regala a chi lo indossa. L’accordo al cuore, che arriva molto rapidamente, di latte al Cocco e Vaniglia, e sospinto dalla testa di Papaya e Ananas sembra quasi un tuffo in un cocktail da spiaggia tropicale.

E’ una miscela di fragranze e sentori quasi inebriante.

Il naso viene dolcemente affollato da brividi e vibrazioni che fermano letteralmente il tempo. Inizia così un volo verso quei luoghi e quelle immagini di cui vi ho parlato in apertura di pezzo: il mare dei tropici, trasparente e di una bellezza senza tempo, le spiagge dorate, le palme che con l’ombra delle proprie sagome regalano refrigerio, mentre la brezza oceanica crea vortici in cielo fatti di frutta, crema solare, succo dolcissimo.

Il finale è un tripudio di Legni Caraibici, proprio a voler ricordare vegetazione e alberi di questi luoghi. Non è solo una evocazione olfattiva, ma anche un astuto escamotage che regala note più secche, selvagge e ruvide, quasi a voler far intendere che il piacere non è mai fine a se stesso, ma si genera da qualcosa di meno idilliaco e più terreno.

Piramide Olfattiva:

  • Note di Testa: Papaya
  • Note di Cuore: Latte di Cocco, Vaniglia,
  • Note di Fondo: Legni Caraibici

Conclusioni

Sono estremamente convinta che “Leisure in Paradise“, nella sua piacevolezza istantanea, non sia assolutamente né un profumo banale, né per tutti. La missione di Simone Andreoli, del resto, non è mai quella di essere pop o trasversale, bensì di trasmettere un messaggio con le sue creazioni, di comunicare qualcosa di profondo. Qui il significato è forte e chiaro: un consiglio a caratteri cubitali di distacco dalla quotidianità, di ingresso a piedi pari in una dimensione lontana da noi e dalle nostre città. E’ un profumo molto femminile, che si rivolge a donne giovani e spensierate.

Le note più fresche sono da attribuire alla Papaya e all’Ananas, ma a trionfare sono, senza mezzi termini il Cocco e la Vaniglia. Leisure in Paradise è penetrante, ricco e avvolgente e la sua presenza marcata: è un profumo dedicato non solo a chi desidera viaggiare nello spazio e fermare il tempo, ma certamente anche a chi desidera farsi notare. Magari su una spiaggia caraibica.

Informazioni aggiuntive:

  • Denominazione: Leisure in Paradise
  • Brand: Simone Andreoli Formato:
  • Flacone in vetro da 100 ml Prezzo: 135 euro

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password